web analytics
Listino:  
  • Recherche

Le ultime 6 supercars con cambio manuale 

Si contano sulle dita di una mano ormai le supercars con cambio manuale. Quasi tutte sono passate all’automatico; chi è che mantiene ancora il legame con il passato?

ferrari-599-gtb-auction-13

Da anni ormai si discute sulla morte del cambio manuale a favore di automatici e semi automatici su macchine ad alte prestazioni. Per via della sua semplicità e dei relativamente bassi costi di produzione non sparirà mai dal mercato, e continueremo a trovarlo su vetture di bassa categoria. Molti non vogliono un manuale sulla propria supercar, e su alcuni modelli la scelta può essere comprensibile; ma veramente un automatico può garantire le stesse emozioni e sensazioni di un tempo? Quali modelli mantengono ancora un legame, seppur impercettibile, con il passato?

1. Ferrari 599 GTB

Ferrari 599 GTB

Ferrari non ha un solo modello a listino dotato di cambio manuale, assurdo. Questo a causa della continua ricerca del tempo sul giro in pista, che ha portato inesorabilmente all’adozione di velocissimi cambi in stile F1. Questo passaggio è avvenuto però in tempi relativamente brevi; basti pensare all’erede della F12berlinetta, la 599 GTB, che ancora dava la possibilità di scegliere tra i due diversi tipi di trasmissione. Quante ne sono state vendute con il cambio classico? Solamente 30, di cui 20 negli USA. Per questo motivo attualmente i prezzi per assicurarsi una di queste manuali con V12 da 612 CV sono alle stelle; recentemente RM Sotheby ne ha venduta una per 682 mila dollari. Incredibile, tre volte tanto il prezzo di listino.

2. Ferrari F430

Ferrari F430

Se si vuole la più recente Ferrari a motore centrale con cambio manuale, si deve tornare indietro fino alla F430. Le recenti 458 e 488 infatti montano esclusivamente dei doppia frizione DCT. Anche se meno rara rispetto alla 599 GTB manuale, non è facile da trovare, considerando che il 90% degli esemplari è stato venduto con i paddle al volante.

3. Porsche 911 GT3 RS (997 4.0)

Porsche 911 997 GT3 RS 4.0

Con l’uscita della Cayman GT4 manuale, molti appassionati del marchio Porsche si sarebbero aspettati una nuova 911 GT3 RS con lo stesso tipo di trasmissione, ma così non è stato. A listino è presente solamente la versione con il PDK. Per questo motivo il prezzo delle 997 GT3 RS è in rapida ascesa, e adesso sfiora le 300 mila sterline, anche grazie al sovrasterzo idraulico e al motore “Mezger”. Se siete appassionati Porsche e volete un nuovo esemplare manuale correte al concessionario; è in arrivo la 911 R in edizione limitata.

4. Lamborghini Murciélago LP640

Lamborghini Murcielago LP640

La Murcielago è sicuramente uno dei modelli di maggior successo della casa del Toro; presentata nel 2006 e prodotta fino al 2009, incarna pienamente l’essenza Lamborghini. Prestazioni incredibili grazie al V12 6.5 litri da 640 CV, trazione integrale permanente, apertura delle portiere a forbice e cambio manuale. Sì, il cambio sequenziale robotizzato era disponibile solo a richiesta. Insieme alla Gallardo LP560-4, protagonista del prossimo punto, sono gli ultimi modelli della casa di Sant’Agata a montare la trasmissione manuale, che con l’arrivo dell’Aventador ha cominciato a puntare più sulla rapidità di cambiata che sul piacere di sentire gli organi meccanici muoversi spostando una leva.

5. Lamborghini Gallardo LP560-4

Lamborghini Gallardo LP560-4

E’ lei l’ultima Lamborghini con cambio manuale uscita dalla fabbrica. Colei che ha preso il suo posto, la velocissima Huracan, nemmeno a dirlo, monta di serie un doppia frizione, e il manuale non è minimamente contemplabile. Se cercate una Lamborghini manuale che sia in grado di comunicare la massima sensazione di guida, il consiglio è di orientarvi non su questo modello in particolare, ma sulla Gallardo LP550-2 a trazione posteriore.

6. Audi R8 (prima generazione)

Audi R8 V8

Non è sicuramente questa l’ultima supercar manuale di casa Audi. Con l’uscita del nuovo modello il cambio manuale non viene nemmeno offerto come optional a pagamento, e tutte le versioni sono dotate di un doppia frizione a sette marce S Tronic. Audi però è in grado di fornirci un motivo valido per giustificare questo cambio di rotta; negli ultimi tre anni di produzione infatti, il 99% delle R8 prodotte è stata richiesta dai clienti con trasmissione automatica, e dati alla mano non avrebbe avuto senso continuare a produrre una versione senza mercato.

A cura di Francesco Meneghini

6 auto sportive che non sembrano avere oltre 10 anni

Tu as aimé cet article? Tu pourrais aussi aimer…

Ajoute un commentaire